Search
Close this search box.

Escursioni e parchi naturali: come difendersi dagli insetti estivi volanti

D’estate gli insetti estivi volanti possono essere talmente fastidiosi da rovinare una giornata all’aria aperta! L’estate è la stagione dell’anno in cui la natura esplode in tutta la sua bellezza, e rappresenta il periodo in cui le escursioni nei parchi naturali e lungo i percorsi ciclopedonali sono programmi eccellenti per godersi il clima estivo, assaporandone tutte le meraviglie.

La bella stagione però porta con sé anche insetti fastidiosi: mosche, zanzare, vespe, pappataci e zecche (che in realtà non volano, ma attendono sulla vegetazione l’avvicinarsi di mammiferi da parassitare). Questi piccoli insetti possono trasformare una piacevole giornata all’aperto in esperienze da dimenticare. Proseguendo la lettura, troverete i nostri suggerimenti: alcuni metodi efficaci per difendersi da loro e godersi al massimo le escursioni, i parchi naturali e i percorsi cicloturistici.

Nell’ultimo capitolo dell’articolo parleremo di un percorso speciale, consigliato da Zig Zag: litinerario ad anello nelle Valli di Comacchio in provincia di Ferrara!

Insetti estivi volanti: come difendersi dalle punture

Prevenire le punture di insetti è fondamentale per godersi appieno le escursioni estive e i prodotti Zig Zag rappresentano la soluzione ideale per esperienze all’aperto libere da preoccupazioni, proteggendo adulti e bambini. Per difendersi dagli insetti durante le escursioni nei parchi e nei percorsi cicloturistici troviamo:

Zig Zag Insetti-Via Sport: soluzioni rinfrescanti e resistenti al sudore, pensate per chi pratica sport allaria aperta e necessita di una protezione corpo concreta per vivere con serenità le ore dedicate al benessere.

Zig Zag Insetti-Via Baby Junior e Pelli Sensibili: la linea per le pelli sensibili, che protegge da zanzare (di tutti i tipi) e zecche e che vanta un’Antipuntura Baby 0+ autorizzato dal Ministero della Salute anche per neonati da 0 mesi. Completano la linea le Salviette Junior e la Penna Gel Dopopuntura Baby.

Lozione Antipuntura Zecche: repellente cutaneo in lozione (no gas) con alta concentrazione di DEET (Dietiltoluamide), principio attivo altamente efficace nel respingere con efficacia le zecche di ogni tipo, compresa la zecca dei boschi (Ixodes ricinus), la più diffusa in Italia.

Altri suggerimenti per difendersi dagli insetti estivi volanti

Oltre a utilizzare i prodotti consigliati, esistono diversi rimedi naturali che possono contribuire a tenere lontani gli insetti estivi volanti. Di seguito, un piccolo elenco di suggerimenti imprescindibili:

  • Vestirsi con abiti adeguati: indossare indumenti a maniche lunghe, pantaloni lunghi e scarpe chiuse riduce la quantità di pelle esposta alle punture.

  • Indossare colori chiari: gli insetti sono attratti dai colori scuri, ecco perché indossare abiti chiari aiuta a risultare meno attraenti. 

  • Evitare le attività all’alba e al tramonto: molti insetti, come le zanzare, sono più attivi all’alba e al tramonto. Se possibile, cerca di evitare le attività all’aperto durante questi periodi.

Percorso ciclopedonale sospeso sull’acqua: itinerario ad anello nelle Valli di Comacchio

Il percorso ciclopedonale sospeso sull’acqua nelle Valli di Comacchio offre un’esperienza unica e suggestiva, perfetta per gli amanti della natura e delle pedalate tranquille. Con una lunghezza di circa 55 km (con possibilità di accorciare), il percorso è adatto a tutti. Presenta, infatti, un livello di difficoltà che possiamo definire facile, data l’assenza di pendenze.

Si inizia lasciando l’auto a Sant’Alberto (RA), dove si prende un traghetto per attraversare il fiume Reno, una piccola chiatta che conduce all’inizio del percorso in territorio ferrarese. Il costo del traghetto è di 1a persona, incluso il trasporto della bicicletta. Il giro consigliato si svolge in senso orario. Si procede quindi per 16 km, seguendo le indicazioni che ci porteranno verso la strada bianca.

Dal Casone Donna Bona all’Argine Reno: alla scoperta dei fenicotteri

Durante il percorso, è possibile fare una breve sosta al Casone Donna Bona”, per poi continuare in direzione Stazione Foce. Qui si può decidere se accorciare l’itinerario, procedendo dritti fino a Porto Garibaldi. Altrimenti, attraversando un ponte, si raggiunge Comacchio – detta anche “Piccola Venezia” – con i suoi caratteristici bilancioni. Una volta arrivati a Porto Garibaldi, sarà necessario prendere un altro traghetto, simile a quello già preso, per raggiungere Lido degli Estensi.

Da Lido degli Estensi si arriva a Lido di Spina: è qui che ci aspetta un percorso ciclopedonale davvero unico. Alla fine della ciclabile di Viale Etruschi, si imbocca la strada bianca a sinistra – prima della statale Romea. Un sottopassaggio conduce all’inizio della Ciclopedonale naturalistica delle Valli di Comacchio: un suggestivo ed emozionante percorso di 6 km completamente circondato dall’acqua. L’itinerario ci porterà poi all’Argine Reno, zona in cui è possibile avvistare tantissimi fenicotteri rosa, concentrati nella zona delle Saline.

Tornare a casa senza punture? Zig Zag è un alleato imprescindibile!

Completando il percorso si prende per lultima volta il traghettino che ci ricondurrà sulla sponda Ravennate di Sant’Alberto – dove avevamo parcheggiato l’auto. Il percorso offre la possibilità di ammirare la bellezza delle Valli di Comacchio, l’incanto dell’acqua e la ricca fauna e flora che popola la zona. Se volete aggiungere a questa gita una tappa storica, nella vicina Marina Romea troviamo il Capanno Garibaldi, rifugio delleroe del Risorgimento con Anita e alcuni compagni. Un ulteriore spunto per una o più giornate da queste parti vede coinvolti i battelli che partono da Goro – sempre per gite nelle valli – alla scoperta dei casoni dove un tempo risiedevano i pescatori di anguille.

Ricordiamo, infine, che anche se molti degli insetti estivi volanti che incontreremo sono innocui, è importante prevenire le punture: i consigli di Zig Zag sono essenziali per godersi la natura senza preoccupazioni!

Search
Close this search box.